Il concorso ha richiesto ai partecipanti di sviluppare nuove idee, al fine di ripensare come i rifiuti di plastica possano essere rimodellati utilizzando il pensiero di progettazione circolare, sottolineando l’economia circolare e di esplorare un nuovo equilibrio sociale coinvolgendo le comunità. L’idea è quella di operare alla luce del design sociale, al fine di costruire un luogo sostenibile di incontro sociale.

Il progetto “Little Great Things” consiste in un sistema di moduli che possono essere combinati dalle persone in modo creativo. Questo sistema consente il co-working e gli incontri sociali, stimolando la comunicazione visiva e l’interazione tra gli individui. Juan e Begüm hanno progettato un luogo per i nomadi digitali che vivono diversi stili di vita contemporanei, includendo aspetti di economia circolare e social forniture, caratterizzati da curve fluide e adatte al co-working.

Hanno sviluppato prodotti modulari e flessibili per sfruttare la stampa additiva 3D su larga scala e dare nuova vita ai rifiuti di plastica riciclata.

Il design modulare e flessibile del prodotto ha un’estetica distinta, crea spontaneità e si adatta ai margini degli spazi pubblici, dove le persone possono naturalmente sentirsi al sicuro. I materiali sono composti da rifiuti riciclati che assumono una seconda vita grazie ai nuovi approcci alle tecnologie, ai modelli di business e alle partnership tra settore pubblico e privato.

Sviluppato da Particle, una comunità globale legata all’arte, con il supporto dell’Ambasciata d’Italia a Kuala Lumpur, Social Furniture è un contest di design che richiede nuove idee per ripensare come la plastica di scarto può essere riutilizzata in  utilizzando il concetto di design circolare.

RICHIEDI INFO KIT
Contattaci per saperne di più sui nostri corsi Postgraduate, le procedure di ammissione, le strutture del campus e le borse di studio. Compila il breve form.
WhatsApp CHAT