Skip to main content
Stai visualizzando la versione notturna del sito Domus Academy, i contenuti sono gli stessi HO CAPITO

Milano Moda Graduate 2015

Domus Academy presenta le migliori collezioni al Milano Moda Graduate presso la prestigiosa location de La Triennale di Milano.
L’evento, alla sua prima edizione, è organizzato da Camera Nazionale della Moda Italiana in collaborazione con Piattaforma Sistema Formativo Moda. Lunedì 2 luglio alle ore 18:30 presso il Salone d’Onore de La Triennale di Milano Domus Academy con le collezioni di Petra Šorejsová, Moe Kudo, Zeynep GuntasPauline Yuen Pui Ling , Özlem Koca, Keita Ebihara & Elizabeth Soon | Ametsubi,, sarà protagonista dell’evento che vede coinvolte le migliori 14 scuole di moda italiane. Il programma della giornata prevede una serie di sfilate che avranno luogo a partire dalle 9:30 e una sfilata finale alle ore 20 “The Best of”.  Alle 19 si svolgerà un Talk serata aperto al pubblico presso il Teatro dell’Arte con la partecipazione di importanti personalità del Fashion System. Durante la giornata gli spazi de La Triennale saranno la cornice di una installazione di abiti e accessori realizzati dagli studenti.
A concludere la prima edizione di Milano Moda Graduate sarà un closing party con Dj set nel giardino de La Triennale.

Milano Moda Graduate 2015
2 Luglio 2015 alle ore 18:30 – Sfilata
Salone d’Onore, Triennale Milano
Viale Alemagna, 6 – Milano
Evento solo su invito

Domus Academy lavora da sempre sulle identità dei propri studenti e su un approccio internazionale alle collezioni, particolarmente in un momento in cui nel settore si aprono vari livelli di interazione con il mercato.
I designer che presentano i propri progetti hanno diverse provenienze geografiche, differenti culture di riferimento e lavorano su tematiche  profondamente distanti ma coerenti in un approccio di ricerca identitario.

Petra Sorejsova (Repubblica Ceca)
Freaks Are Aristocrats
Petra Sorejsova si concentra sul lavoro di Diane Arbus, e su un’analisi ergonomica del corpo umano, dei suoi limiti e del suo decadimento. Questi riferimenti si traducono in una collezione in cui cotoni naturali e accessori in pelle disegnano un allure che evoca un polverso passato aristocratico in cui forme innaturali segnano i confini di corpi in trasformazione.

Moe Kudo (Giappone)
Definition
Il principale obiettivo della collezione di Moe Kudo si riassume in una frase: “ciò che definisce l’umano non è certo”. Gli esseri umani elaborano continuamente definizioni: forme, colori, stato, tempo ma tutto è in continua evoluzione, perfino l’identità; la pura definizione di una persona è molto più ambigua di quanto siamo abituati a pensare. Bianco, nero, lane e cotoni, tessuti maschili e pelle tagliata al laser costruiscono un’identità senza tempo, un’identità in evoluzione.

Zeynep Guntas (Turchia)
Futuretnik Breed
La collezione di Zeynep Guntas è influenzata dalla musica elettronica sperimentale, dal cinema distopico degli anni ‘90, dalla malinconia e dall’umorismo dark di Ai Weiwei e di Maurizio Cattelan. Il progetto intende interpretare la nuova generazione di oggi e di domani ragionando sul passato. Dettagli etnici realizzati a mano su tessuti tecnici si sposano alla funzionalità di forme essenziali. L’approccio è agender per una collezione che presenta abiti in lana leggera in foggia sportiva, cappotti reversibili, double, tute e felpe.

Pauline Yuen Pui Ling (Hong Kong)
Kinesphere
La collezione Kinesphere nasce dall’analisi dell’espressione artistica di Anne Teresa De Keersmaeker e la nozione di Kinesfera creata da Rudolf Laban: “la sfera intorno al corpo le cui estremità sono raggiungibili con gli arti estesi senza fare un passo lontano da quel luogo che è il punto di appoggio”. La collezione ricrea la fluidità del movimento attraverso il draping di sete leggerissime costrette in una metaforica kinesfera costituita da gabbie di cuoio.

Özlem Koca (Turchia)
Re-Generation
Re-Generation è il risultato della convergenza di immagini relative a momenti, luoghi e processi differenti. Elementi di stile presi in prestito dagli anni ‘20 e ‘90 interagiscono fra loro, fondendosi in silhouette ricche di ricami, giochi materici e sovrapposizioni.

Keita  Ebihara & Elizabeth Soon | AMETSUBI (Giappone, Singapore)
Solstice
La collezione racchiude i mondi dei due designer e le loro provenienze con una forte attitudine a un prodotto sofisticato ed essenziale. La ricerca nelle costruzioni, nei  volumi e nei dettagli così come nei materiali e un continuo dialogo fra culture e imperfezioni ridisegnano una nuova idea di daily wear.